Emilio Vedova “Teleri 1981-1985”

Emilio Vedova al lavoro ai Teleri, 1985

16 febbraio - 25 aprile 2012

Orari di movimentazione
La movimentazione di tre serie tra le opere di Emilio Vedova avrà inizio alle ore 10.40 / 12.10 / 13.40 / 15.10 / 16.40

 

Nell’autunno del 1980 Emilio Vedova, che aveva concluso da qualche anno il lavoro
ai Plurimi/Binari dei cicli Lacerazione ‘77/’78, è invitato a Città del Messico
per una mostra antologica di grafica al Museo de Arte Carrillo Gil e per un ciclo
di “lectures” all’università UNAM (Universidad Nacional Autónoma de México).
Questo viaggio/studio, del quale il maestro veneziano frequentemente ne sottolineava
l’importanza ricordando con passione luoghi, situazioni ed incontri di estremo
interesse e vitalità, ha certamente rappresentato momento decisivo per l’evoluzione
della poetica vedoviana degli anni successivi.
Infatti nel 1981 Vedova inizia cicli di grandi dipinti su tela chiamandoli Teleri
proprio come nella antica tradizione veneziana dove il teler era una grande tela
applicata alla parete e dipinta ad olio. Queste opere sono caratterizzate da una
incontenibile carica espressionista, dal gesto forte e potente e dall’uso del colore
timbrico ed esplosivo. La mostra testimonia con tre serie di teleri, movimentate dalla
macchina che l’arch. Renzo Piano ha progettato per Emilio Vedova, alcune opere
particolarmente significative di quegli anni, dal ciclo Compresenze del 1981 ed
Emerging del 1982, dal ciclo Rossi e …als ob… del 1983 a quello Da Dove (1984) e
Di Umano (1985), che anticiparono i Dischi, i Tondi e gli Oltre.