Chick Corea Quintet

Euroamerica
Ciclo di concerti a cura di Mario Messinis

Chick Corea Quintet
La musica di Miles Davis, Bud Powell, Orace Silver and more

14 e 15 luglio – ore 21.00

Info biglietti


Doppio eccezionale appuntamento alla Fondazione Emilio e Annabianca Vedova con uno dei pianisti che ha fatto la storia del jazz moderno. Il 14 e 15 luglio nello Spazio Vedova sarà infatti alla tastiera Chick Corea, alla testa del quintetto “d’assi” che ha riunito in occasione del suo settantacinquesimo compleanno. Saranno con lui il sassofonista Kenny Garrett, Wallace Roney alla tromba, il bassista Christian McBride e il batterista Marcus Gilmore. Assieme offriranno al pubblico il loro omaggio agli “eroi” del jazz: Miles Davis, Bud Powell, Horace Silver e molti altri.

Chick Corea è pianista che ha attraversato la storia del Jazz degli ultimi cinquant’anni con una sorprendente carica innovativa e un continuo apporto di inediti stimoli e di influenze provenienti da altri linguaggi. Tra i massimi pianisti nella storia del jazz, ma anche del repertorio classico e moderno, Corea è un compositore che ha saputo collegare il jazz e l’improvvisazione alle istanze della prima avanguardia europea. Il suo percorso stilistico - dal jazz elettrico con i gruppi di Miles Davis, alla improvvisazione libera, alla composizione – rivela una continua ricerca di nuovi mezzi tecnici timbrici ed espressivi.

La doppia serata apre un ciclo ideato da Mario Messinis per la Fondazione Vedova presieduta da Alfredo Bianchini: il progetto Euroamerica, con autori appunto americani ed europei del secondo Novecento e di oggi. La scelta del tema si lega alla pubblicazione, nel decennale della scomparsa di Emilio Vedova, di De America, un importante volume a cura di Germano Celant dedicato al complesso rapporto del pittore con il continente americano e la sua cultura che si è concretizzato nel grande ciclo pittorico intitolato, appunto “De America”. Il ciclo riprenderà in autunno (28 ottobre) con Zappazik!, ideato da Giovanni Mancuso che presenta un caleidoscopico repertorio zappiano con il Chironomids Outerspace Group, per passare agli American Songs. Canzoni americane degli anni ‘40 e ‘50, rivisitate da Luca Mosca (29 ottobre). Uri Caine, un altro dei protagonisti internazionali della scena jazzistica, presenterà il 30 ottobre uno dei suoi progetti più significativi, Urlicht - Primal Light, personalissima rivisitazione di pagine mahleriane. Il 10 novembre una sintesi delle avanguardie europee del Novecento da Debussy a Boulez sarà offerta dalla pianista Letizia Michielon, contrapposte al Terry Riley di Tread on trail per baritono, percussione e chitarra. L’11 novembre, serata dedicata a George Crumb e Karheinz Stockausen (Anna Clementi, soprano e Nicholas Isherwood, baritono). Conclusione affidata il 12 novembre al Jack Quartet con musiche di Pierre Boulez e Steve Reich.